Sarracenia minor

Da Wikiplants.

Indice

Introduzione

La Sarracenia minor vive in america nelle zone comprese tra gli stati di: Florida,Georgia, South Carolina e Nord Carolina. Ha da pochi anni ottenuto una nomenclatura completa, con tanto di varietà.


S minor distr.jpg


La S. minor consta di due varietà:

  • S. minor var. minor
  • S. minor var. okefenokeensis



Sarracenia minor var. minor

Ha come caratteristiche principali quella di essere non troppo alta (difficilmente supera i 40-45 cm, mentre alcuni esemplari non arrivano nemmeno a 25cm) e di avere le areole, ovvero le finestre semitrasparenti sul dorso dell'ascidio, non rilevate ed anzi, a volte leggermente infossate. Presenta molte variabilità per quanto riguarda la forma, che vista la similitudine con un becco d'anatra, può essere definito a "becco alto" quando lascia vedere in visione frontale l'entrata dell'ascidio; a "becco basso" quando invece nasconde alla vista l'entrata dell'ascidio. Notevole è la variabilità anche per quanto riguarda il colore dell'opercolo (che può essere più o meno bronzeo o addirittura rossastro.). Dispone inoltre di una "anthocyanin free form", ovvero di una versione albina priva di antociani, e quindi completamente verde.


Minorvarminor.JPG Fenestrature24.JPG S minor1.jpg

Ecco due bellissimi esemplari a "becco basso"

S minor2.jpg

S minor3.jpg


Dettaglio "becco alto"

come vedete in visione frontale sono ben visibili le areole.

Minorvarminor.JPG Fenestrat2.JPG

S. minor var. minor Anthocyanin free

Minoranthofreeerbi2.jpg S minor5.jpg

La S. minor var. okeefenokeensis

Prende il nome dalla okefenokee swamp, una palude presente nello stato della Georgia, in cui è tipica questa forma di minor. La peculiarità principale è quella di essere una versione "gigante" di minor, con dimensioni comprese tra i 70 ed i 130cm in natura (ma ne esistono in coltivazione delle versioni non particolarmente alte, definite appunto "not giant"). Altra caratteristica peculiare è quella di avere le areole sul dorso dell'ascidio particolarmente rilevate, distinguibili al tatto con i polpastrelli delle dita. Anche questa varietà presenta molta variabilità nella forma dell'opercolo (che oltre ad essere alto o basso, in questa varietà può essere anche particolarmente lungo) e nel colore, che spesso può interessare anche l'ascidio stesso e non semplicemente l'opercolo (avremo quindi delle minor var. okefenokeensis red pitchers, orange pitchers, green pitchers e cosi via a secondo del colore dell'ascidio). Non sono documentate al momento versioni anhtocyanin free di S. minor var. okefenokeensis in natura, ma sono sicuro nei prossimi anni verranno prodotte in coltivazione :)


Ecco alcune foto:


S minor okefenokeensis.jpg

S minor okefenokeensis1.jpg



Voci correlate



Autore: Er Biconzo

Fonti img: google image / Kamil Pasek http://www.bestcarnivorousplants.com / Azais Cedric (http://www.flickr.com/people/napp/)/ Barry Rice http://www.sarracenia.com

Strumenti personali