Riparazione ascidio di Sarracenia

Da Wikiplants.

Indice

Introduzione

Chi si cimenta nella coltivazione di Sarracenie, sicuramente avrà trovato un ascidio forato da qualche insetto (vespa o simili).


13102011 foro panoramica.JPG Zoom foro.JPG


Anche gli ascidi di Sarracenia possono essere riparati con la stessa tecnica descritta per le Nepenthes nel tutorial Riparazione ascidio di Nepenthes.


Le varianti sono:

  • Patch esterna all'ascidio.
  • Mastice per innesti e non pasta bituminosa.
  • Una sola mano di mastice dopo l'applicazione.


La variante è obbligatoria perché gli ascidi delle Sarracenie sono molto profondi ed una riparazione dall'interno diventa a dir poco problematica. Come esempio ho preso una pianta che presenta un bel foro sulla parte centrale dell'ascidio.


Il mastice per innesti è ecologico, non è tossico e non è dannoso per la flora e per la fauna, è tixotropico (si definisce tixotropico un liquido che presenta la caratteristica di realizzare una ricostruzione della struttura quando viene lasciato a riposo per un certo tempo).


Fig.2


Il mastice per innesti da solo non è sufficiente per occludere il foro, per chiudere una superficie di circa 1/2 cm dobbiamo mettere un supporto, per rimanere nell'eco compatibilità utilizzeremo una garza di cotone sterile.

Materiali e strumenti

  • mastice per innesti.
  • Garza sterile di cotone.
  • Pennellino piatto a setole semirigide.
  • Forbici.)


materiali

Procedimento

Realizzazione patch

Prendiamo il mastice e spargiamolo sulla garza.


Garza 1 new.JPG


Dopo che il mastice si è asciugato bene, possiamo ritagliare una sezione rettangoare poco più grande del foro da otturare.


Patch sarracenia.JPG


Applicazione della patch

Applichiamo il mastice sul perimetro del foro da otturare.


Foro panoramica fase1.JPG


A seguire mettete del mastice sulla garza, e con il pennello attaccatela all'ascidio.


Foro panoramica fase2.JPG Foro panoramica fase3.JPG


Una volta appoggiata posizionarla con cura, in modo che copra il foro e con il pennello iniziare a tamponare in modo che tutta la "patch" aderisca bene all'ascidio, se necessario aggiungete ancora un po di mastice.


Foro panoramica fase4.JPG Zoom foro panoramica fase4.JPG


Dopo 3 ore il mastice si sarà già solidificato.


Zoom foro panoramica fase5.JPG


Dopo 12 ore (Vedi foto sotto), si può dare la prima ed ultima mano di mastice :


Zoom foro panoramica fase6.JPG Zoom foro panoramica fase6-2.JPG Zoom foro panoramica fase6-3.JPG


L'ascidio adesso è riparato e funzionale.

Buona patch a tutti !!!

Voci correlate


Autore: Gianni "Prompt" Marcantoni

Revisione: Sonia80pi

img: Gianni "Prompt" Marcantoni

impaginazione: Sonia80pi.

Strumenti personali