Pulizia dei rizomi di Sarracenia

Da Wikiplants.

Indice

La pulizia delle Sarracenia

Le Sarracenia sono piante rizomatose perenni, che vegetano mediamente da marzo a ottobre. Durante l'inverno entrano in uno stato di riposo vegetativo durante il quale cesseranno completamente di sviluppare nuove trappole, lasciando lentamente seccare quelle già presenti.

Come comportarsi allora con i vecchi ascidi? A tale riguardo ci sono tre principali scuole di pensiero che andremo a descrivere.

Tecniche di pulizia

  • Eliminazione delle sole parti secche:

i vecchi ascidi vengono tagliati man mano che seccano. Gli altri, quelli che restano vivi e colorati, continuano a svolgere le funzioni fisiologiche e vanno lasciati cosi' come sono fino al loro deperimento, potranno essere rimossi al momento della nuova ripresa vegetativa per dare luce spazio ai nuovi.

La rimozione del secco, a differenza di quella degli ascidi, è necessaria:

Le parti secche, con l'aumento dell'apporto idrico e con l'arrivo del tepore primaverile, potrebbero diventare terreno di coltura per miceli, patogeni e parassiti. E' opportuno eliminare tutte le parti secche/marce e "spellare" il rizoma da ciò che rimane dell'attaccatura degli ascidi precedentemente potati.

Lo svantaggio di questo metodo sta nel fatto che probabilmente la pulizia non sarà molto accurata, potrebbe risultare difficile eliminare le attaccature ormai secche dei vecchi ascidi aderenti al rizoma se questo è ricoperto da altri ascidi.

Questo tipo di operazione può essere svolta durante tutto il periodo di riposo.

  • Eliminazione dell'intera parte aerea:

vanno rimossi gli ascidi, tagliandoli il più possibile vicino al rizoma, e tutte le parti secche in maniera da consentire alla luce e all'aria di raggiungere il rizoma, e di permettere ai nuovi ascidi in formazione di trovare lo spazio necessario ad una corretta crescita.

Questo tipo di operazione è preferibile venga svolto non prima della fine dell'inverno, in quanto le parti vive e verdi continuano a fotosintetizzare e produrre energia anche durante la stagione fredda.

Pulizia di s.purpurea e relative

Un'eccezione è costituita dalla Sarracenia purpurea, con relativi ibridi e varietà. Questa specie non va mai privata dei tessuti vivi poiché tende a bloccarsi per lunghi periodi in seguito a simili trattamenti, e anche perché, solitamente, mantiene gli ascidi in buona salute per lungo tempo. E' sufficiente limitarsi ad un'eliminazione delle sole parti secche.


La scelta del metodo da utilizzare resta comunque a descrizione del coltivatore, che in base alle piante di cui è in possesso e alle proprie esigeneze potrarsi regolarsi di conseguenza.

Voci correlate


Autore: Anna Baruscotti

Fonte img: Anna Baruscotti...

Strumenti personali