Pinguicule da garden center

Da Wikiplants.

Indice

Pinguicula "Fake Weser"

Questa è una comune pianta che si trova nei garden center ed è dato dall'incrocio tra Pinguicula moranensis e Pinguicula ehlersiae così come nei cultivar 'Sethos' e 'Weser'. Adrian Slack ha descritto i cultivar 'Weser' e 'Sethos' in un libro del 1986, differenziando le due piante grazie alla foto dei due fiori che nei due cultivar hanno caratteristiche diverse, pertanto solo un confronto con le foto originali dei fiori può servire per identificare correttamente una pianta come 'Weser' o 'Sethos' (che altrimenti essa ricade in questa generica categoria di clone). Spesso oltre che a "Fake Weser", viene anche denotata come x Weser o x Sethos, indicando quindi che sono delle piante cloni dei cultivar originari 'Weser' o 'Sethos'. Non essendo però possibile risalire all'origine della creazione di questi cloni, non è dato sapere se sono state effettivamente ricavate da una 'Weser', 'Sethos' o da un nuovo incrocio moranensis x ehlersiae. La nomenclatura corretta pertanto per etichettare questa pianta sarebbe comunque Pinguicula moranensis x ehlersiae, anche se come appena detto, i nomi "Fake Weser", x Weser e x Sethos sono ormai sinonimi di uso comune.

X weser.jpg

Pinguicula x Tina

Si tratta di una pianta che come la "Fake Weser" è comunissima nei garden center ed è ottenuta dall'incrocio di Pinguicula agnata e Pinguicula zecheri (così come il cultivar 'Tina'). E' opinione diffusa tra i coltivatori che molte di queste Pinguicule vendute nei garden center (come da Carniflora) siano proprio il cultivar originario e non il suo clone. In mancanza di una origina certa comunque, la nomenclatura corretta per questa pianta sarebbe Pinguicula agnata x zecheri, ma il nome x Tina è diventato ormai un sinonimo di uso comune.

X tina.jpg

Pinguicula spec Tolantongo

Si tratta molto probabilmente di una Pinguicula ehlersiae proveniente dalla località di Tolantongo. Stando ai resoconti, questa pinguicula è stata trovata da Laurent Legendre nella collezione di Helmut Kibellis in Australia, che l'aveva avuta a sua volta da Mr Lautner curatore del giardino botanico di Göttingen in Germania. Veniva chiamata in molti modi come Tolantenga o Tolentenda, nessuno dei quali corrisponde però ad una località del Messico. Eric Partrat, ottenuta la pianta da Laurent nel 2002 come Pinguicula sp. Tolentenga, decise di chiamarla Pinguicula spec Tolantongo, dato che l'unica località esistente in Messico con un nome simile sono le grotte di Tolantongo (per cui egli pensò ad un errore di trascrizione in origine del nome della località).

Dal 2011 reperibile in alcuni garden center.

Spec Tolantongo.jpg


Voci correlate


Autore: Sonia80pi

fonte:Cloni e cultivar di Pinguicula

Strumenti personali