Germinazione in acqua dei semi di Sarracenia

Da Wikiplants.

Indice

Introduzione

Questa tecnica è del tutto analoga alla germinazione in acqua dei semi di Dionaea e permette di sfruttare gli stessi vantaggi. E' importante che i semi di Sarracenia siano stati precedentemente trattati con la stratificazione a freddo artificiale o con il freezer cut. Il tempo necessario alla germinazione dei semi è molto variabile: i più veloci possono sviluppare la radichetta in meno di due settimane mentre altri potrebbero cominciare a dare segni di germinazione solo dopo due mesi o più.

Materiali

  • Semi stratificati
  • Acqua demineralizzata o da osmosi inversa (da evitare la piovana, che a causa di piccole impurità potrebbe facilitare lo sviluppo di alghe)
  • Contenitore pulito (possibilmente trasparente)
  • Coperchio trasparente per il contenitore oppure pellicola trasparente per alimenti
  • Terrario con illuminazione artificiale oppure posizione al riparo dal sole diretto in una stanza molto luminosa e riscaldata
  • Vaso con torba e perlite
  • Stuzzicadenti

Procedimento

Il procedimento è del tutto analogo a quello illustrato per i semi di Dionaea: riempite parzialmente il contenitore con l'acqua demineralizzata e aggiungete i semi precedentemente stratificati; poi chiudete il contenitore ermeticamente utilizzando un coperchio trasparente oppure della pellicola per alimenti. La copertura trasparente evita l'evaporazione dell'acqua e allo stesso tempo permette il passaggio della luce, fondamentale per la germinazione dei semi. Il contenitore chiuso andrà posto in un luogo luminoso con temperature sufficientemente alte (approssimativamente 18°C o superiori) ma evitando la luce solare diretta che scalderebbe eccessivamente l'acqua causando così la morte dei semi. Il luogo ideale è un terrario o, in alternativa, un davanzale luminoso.

I semi dopo 15 giorni
La prima radichetta
Fanno la loro comparsa le dicotiledoni
Le dicotiledoni che si separano e aprono


Trasferimento delle plantule

Una volta che le plantule hanno cominciato ad aprire le dicotiledoni sarà possibile trasferirle in vaso; prepariamo quindi il vaso dove metterle a dimora, seguendo il tutorial per la preparazione vaso per la semina.

Utilizzando la punta di uno stuzzicadenti create dei piccoli fori nella torba, come illustrato nel tutorial per la germinazione in acqua dei semi di Dionaea

Img5.JPG

Sempre utilizzando lo stuzzicadenti recuperate una per volta le plantule e inserite con delicatezza la radichetta nel foro.

Img6.JPG


Assicuratevi che le dicotiledoni rimangano in superficie e avvicinate delicatamente la torba alla radichetta in modo da richiudere il forellino.

Img7.JPG

Sitemazione del vaso

Una volta terminato il trasferimento delle plantule sarà opportuno copriere il vaso con uno strato di pellicola per alimenti e mantenere un livello idrico molto alto, almeno fino a metà vaso. Proprio come abbiamo fatto con il contenitore trasparente anche il vaso dovrà poi essere posizionato in un luogo luminoso al riparo dal sole diretto. Questi accorgimenti eviteranno ai seedlings stress eccessivi.

Img8.JPG

La copertura potrà essere rimossa dopo pochi giorni; se avete coperto completamente il vaso procedete per gradi come descritto nell'altro tutorial: prima sollevate i bordi e solo il giorno successivo togliete completamente la pellicola.

Img9.JPG

Voci correlate




Autore e fonte img: Carlo "Carlo.C" Ciarrocchi

Strumenti personali