Drosera

Da Wikiplants.
Drosera
Colla Drosera capensis
Nome scientifico: Drosera
Nome comune: Drosera
Famiglia: Droseraceae
Distribuzione: Sudafrica, Asia, Europa, America
Habitat: torbiere
Tipo di trappola: a colla





Indice

Descrizione

Foto di Drosera rotundifolia in natura, Foto di Sonia Ibelli


La Drosera è di sicuro la pianta più rappresentativa tra quelle con trappole adesive. Ha le superfici fogliari ricoperte di lunghi tentacoli, sui quali apici si trovano ghiandole secernenti sostanze terpenoidi (le stesse componenti di molte resine vegetali). L'insetto è attratto dai colori e dalla brillantezza (gli insetti assetati scambiano queste gocce per rugiada) e resta invischiato. A questo punto, i tentacoli, ed in molte Drosere la foglia stessa, lentamente si arrotolano sulla preda (questo fenomeno, che può richiedere da pochi minuti fino ad alcune ore in base alla specie, è detto tigmotropismo), intrappolando sempre più la preda ed al contempo esponendo la maggior superficie possibile a contatto con l'insetto: presto le ghiandole digestive secerneranno i loro enzimi, inziando la digestione. Questo tipo di trappola è definita "trappola a colla attiva".
Le Drosere sono le piante carnivore più diffuse nel mondo, e ne ritroviamo nelle più disparate parti del globo: Drosere subtropicali, che per la maggior parte provengono dal Sudafrica; le Drosere temperate provenienti da Nord America ed Europa (e di cui abbiamo come rappresentante italiana la D. rotundifolia), adattate a sopportare inverni rigidi tramite la formazione di ibernacoli; le Drosere tuberose, che per sfuggire alla stagione secca si rifugiano in un tubero sotterraneo; le Drosere picciolate, dotate di lunghissimi e vellutati piccioli; ed infine le microscopiche, ma non per questo meno letali, Drosere pigmee.

  • Curiosità: alcune Drosere, come la Drosera burmanii, la sessilifolia o la glanduligera, sono dotate di lunghi tentacoli privi di colla alle estremità della foglia: se stimolati dal movimento di una preda, in pochi secondi vengono ripiegati sulla preda, intrappolandola e premendola contro i tentacoli collosi.

Si pensa che questa caratteristica sia stata sviluppata dalle piante sia per evitare la fuga di insetti robusti, sia per evitare il furto della preda da parte di grossi insetti camminatori.

Distribuzione ed Habitat

Area distribuzione Mondiale del Genere Drosera


L' area di distribuzione del genere Drosera si spinge dall'Alaska sino alla Nuova Zelanda. Le aree di maggiore espressione della biodiversità sono l'Australia (con circa il 50% di tutte le specie note), il Sud America (oltre 20 specie) e l'Africa meridionale (oltre 20 specie). Solo poche specie sono diffuse in Europa e Nord America.


Tassonomia

Il Genere Drosera è composto da moltissime specie, suddivise nei seguenti gruppi:



Anatomia della pianta

Pianta

Drosera picciolata, foto by HJ Kuz
Drosera pigmea
Presentano molte variabilità a secondo della specie e del gruppo di divisione, ma sono tutte accomunate dalla trappola collosa



Tipo di trappola

La trappola è del tipo a colla


Spettacolare macro di Drosera capensis, foto di Carlo Andrea Cotugno Bono
Colla Drosera capensis
Ingrandimento 100x di tentacolo di Drosera
Apice del tentacolo (ingrandimento 400X) sono ben visibili le ghiandole che producono le sostanze adesive. visbile inoltre la goccia di colla


 
Montaggio video sulla cattura ed avviluppamento della preda da parte di una Drosera capensis
Tigmotropismo in Drosera burmannii
 

Parassiti e Malattie

I parassiti principali delle Drosere sono:



Tra gli insetticidi il più efficace è il Reldan 22, mentre per infestazioni non troppo pronunciate si può usare il Provado plus. Se si volesse usare un rimedio naturale, ottima soluzione è la Macerata di tabacco.


Come Malattie, causate da funghi, abbiamo:

Il rimedio contro i funghi della parte aerea (Botrite) è il Proclaim combi, mentre per le patologie dell'apparato radicale (causate dal Phytium) va usato il Previcur.

Usi Terapeutici

Provetta con estratto di Drosera rotundifolia, foto gentilmente concessa da Leonardo Gigli
  • La Drosera Rotundifolia è dotata di proprietà antisettiche e antispasmodiche, viene usata come infuso e per la tosse e affezioni dell'apparato respiratorio (è dimostrata una relativa proprietà antibatterica).


  • Infuso di Drosera : Lasciar riposare 10g di drosera in 1l d'acqua bollente per 10 minuti circa, dopodichè filtrare e consumare 2 tazze al giorno lontano dai pasti per combattere la tosse.


Voci correlate


Strumenti personali