Disidratazione Nepenthes

Da Wikiplants.


Disisdratazione Nepenthes

purtroppo, uno dei "mali" di cui spesso dobbiamo occuparci è la disidratazione delle Nepenthes, accade specialmente al momento che riceviamo la pianta e la rinvasiamo, anche se messa immediatamente in terrario, o quando per esempio spostiamo una pianta dal terrario all'esterno, senza averla abituata lentamente alle nuove condizioni e la pianta si presenta così...

Nep disidratata.JPG

come si nota dalla foto le foglie sono molto disidratate, ed al tatto risultano morbide e flaccide, questa condizione non è assolutamente da sottovalutare, in quanto un brusco abbassamento di umidità potrebbe portare la nostra pianta alla morte anche in 24h.

Come agire

un modo molto semplice, ma molto efficace consiste nel tagliare le foglie a metà, in modo da ridurre la superficie e quindi diminuire la dispersione di liquidi, assicurarsi che il substrato sia bagnato ma non fradicio, e "incappucciare" ermeticamente il vaso con un sacchetto trasparente, assicurandosi poi di porlo in un luogo bene illuminato, ma non al sole diretto (il sacchetto deve avere una dimensione adatta, come nella foto seguente).

Nep con sacchetto.JPG

Questo procedimento aiuterà la pianta a reidratarsi rapidamente, formando all'interno del sacchetto un microclima ad elevatissimo tasso di umidità, il sacchetto in pratica sarà un mini-terrario provvisorio. Il sacchetto andrà aperto e richiuso una volta al giorno per cambiare l'aria all'interno (circa un minuto), in un paio di giorni i risultati dovrebbero essere visibili, la pianta risulterà al tatto solida e resistente, e l'aspetto sarà decisamente migliore. Dopo l'evidente miglioramento dovremo cominciare ad abituare la pianta ad una minore umidità, e riportarla gradualmente alle condizioni "normali" di coltivazione... si comincia col praticare tre piccoli fori sul sacchetto della dimensione di uno stuzzicadenti, e mano a mano che i giorni passano andranno aumentati:

  • 1 giorno: 3 fori
  • 3 giorno: 6 fori
  • 5 giorno: 9 fori

e così via, fino a che nel sacchetto non si formerà piu la "nebbiolina" e vedremo che la pianta non si disidrata più, in maniera principale l'apice deve essere turgido. A quel punto, potremo rimuovere il sacchetto.

Nep reidratata.jpg


autore: Sonia Ibelli ( Sonia80pi)

fonte img: Sonia80pi

Strumenti personali