Costruzione serra in legno

Da Wikiplants.


Indice

Introduzione

La costruzione di una serra in legno è una delle ambizioni più frequenti negli appassionati di coltivazione outdoor di piante comuni e di meno comuni, come le nostre amate piante carnivore. Il legno è da sempre un prodotto naturale ecologico ed esteticamente molto bello, si può facilmente personalizzare con mordenti e smalti appositi e se ben trattato è duraturo negli anni. Anche chi non è pratico del fai da te può cimentarsi con questo tipo di realizzazione i materiali sono tutti facilmente reperibili nei grandi negozi di bricolage, la scelta è davvero ampia sia in termini di legno che in accessori, chiaramente materiali più buoni elevano i costi di realizzazione anche notevolmente. Il legno più economico è l'abete e per nostra fortuna è anche uno dei migliori per impieghi all'esterno, possiamo anche ripiegare su tipi di legni nazionali diversi ad esempio il pino oppure orientarsi su legni esotici, molto in voga in questo periodo.


Pro:

  • basso costo (legname circa 110€, materiale metallico circa 30€, copertura in "multieva33" circa 40€, prodotti per trattamento legname circa 30€, TOT: circa 210€)
  • forma e dimensioni a nostro piacimento
  • materiali a nostro piacimento

Contro:

  • molto faticoso
  • tempi lunghi (progettazione, acquisto materiali, trattamenti e montaggio)

Personalmente ho notato la differenza in 7 giorni, solo 7 giorni! La mia serra è stata completata a fine settembre, ed in quel periodo le piante cominciavano a rallentare la produzione di ascidi, dopo una settimana al coperto le sarracenia flava, che tutti sappiamo essere le prime ad andare in riposo, avevano ripreso a vegetare, con ben quattro ascidi in contemporanea, le drosera erano tornate ad avere foglie piene di colla, le dionaea riproponevano trappole degne del loro nome ecc...il miglioramento è stato immediatamente visibile e repentino!! Quindi se avete spazio a disposizione, costruitela!!!

Il legname

Per la mia serra ho scelto dei travetti di abete di cm 8x8. I travetti al momento dell'acquisto sono grezzi, andranno quindi levigati con una levigatrice orbitale e cartavetrata medio fine.

LEVIGATRICE4.jpg levigatrice

Legno grezzo.JPG

Trattamento del legno

Il trattamento del legno consiste nell'applicazione di prodotti chimici che lo rendano impermeabile e resistente agli agenti atmosferici. Io ho usato due mani di impregnante acrilico e una mano di protettivo finale acrilico in gel.


Impregnante2.JPG

Protettivo.JPG

Impregnante.JPG


e catramina (impermeabilizzante bituminoso derivato del petrolio) per la parte che andrà interrata.

Vernice al catrame.JPG

preparazione della struttura

Per la mia serra ho preferito predisporre i travi in modo che andassero ad incastro l'uno con l'altro, in modo che alla fine, grazie a bulloni e viti, diventasse un corpo unico, gli incastri sono stati fatti con una "sega a gattuccio".


Gattuccio.png sega a gattuccio

Incastro legname.JPG

Incastro travi.JPG

Incastro travetti.JPG

Incastro angolo.JPG

Incastro angolo2.JPG

Incastro trave orizzontale.JPG

Pendenza spiovente

dopo aver fatto gli incastri si deve calcolare l'angolo di pendenza del tetto e procedere sempre con la "sega a gattuccio" come in foto.

Pendenza spiovente.JPG


Assemblaggio

Adesso possiamo cominciare ad assemblare i travi perimetrali con squadrette in metallo, bulloni e viti autofilettanti.

Bullone su trave.JPG

Squadretta e bullone su travi.JPG

Squadretta inferiore su trave.JPG

Squadrette metalliche 2.JPG


Una volta montata la struttura, con un flessibile ho tagliato l'avanzo dei bulloni.

Bulloni pareggiati.JPG


Una volta finita la struttura perimetrale si procede ad assemblare il tetto, con travetti di cm 5x5, e alla fine avremo una struttura come nella foto successiva.

Struttura finale.JPG


Fissaggio della struttura al terreno

Come è a tutti noto, le serre, specialmente in certe zone della nostra penisola possono essere abbattute facilmente da forti venti, pioggie ecc ecc...è doveroso quindi fissarla nel miglio modo possibile al terreno, in modo che le piante al suo interno siano sempre al sicuro.

Nel mio caso la serra poggia con 2 travi su cemento e 4 travi su terreno, ho quindi dovuto adottare due modi diversi di fissaggio, il primo consiste nel fissare sul cemento dei "piedi" in metallo, bloccati da tasselli specifici da calcestruzzo.

Squadretta per cemento.JPG

Tasselli calcestruzzo.JPG

Foro tassello.JPG

Squadretta tassellata.JPG


Alloggiare il trave e bloccare con un bullone e un dado.

Perno blocca palo.JPG


Nel secondo caso ho dovuto invece avvitare delle squadrette di metallo alla base dei travi, che avranno la funzione di "arpione", praticare degli scavi nel terreno di almeno 20cm dove alloggeranno, ed in fine riempirle di cemento (i travi interrati sono più lunghi di 20 cm rispetto a quelli che poggiano sul cemento).


Arpioncini.JPG

Scavo.JPG

Cemento.JPG

Tutto il procedimento deve essere monitorato e regolato con una livella.

Livella.JPG

costruzione della porta

Prima di passare alla vera e propria porta, dobbiamo fare una modifica alla struttura per creare il battente (il battende è stato creato dopo l'ancoraggio al terreno per permettere al cemento di bloccare la struttura in squadra), dove la porta andrà a chiudersi; andrà tagliato il travetto orizzontale, e con altri 2 travetti formeremo il battente.

Nelle foto successive potrete notare la modifica.

Battente porta.jpg Battente porta 2.jpg

Per costruire la porta prendiamo delle tavole di legno, trattate come i travetti, e le tagliamo alla giusta misura. Si comincia ad assemblare il perimetro della porta, che come nella figura seguente dovrà avere una tavola orizzontale a metà della sua altezza.

Cornice.jpg

Dopo averla assemblata si dovrà aggiungere una stecca trasversale nella parte superiore della porta, che darà la stabilità alla cornice, evitando deformazioni nell'apertura e chiusura, come nella foto seguente.

Cornice trasversale.jpg

l'assemblaggio dovrà essere effettuato con 6 placche metalliche alle giunture della cornice, due squadrette a "L" ai margini della trasversale e viti autofilettanti, il tutto rigorosamente antiossidante (come per il resto della serra).

Placche cornice.JPG Squadrette L trasversale.JPG

A questo punto andremo a fissare la porta alla struttura, con 2 cerniere metalliche, viti autofilettanti di spessore maggiore.

Scerniera porta.JPG

Dopo aver fissato la porta, controllato che si apra e chiuda bene, andremo ad applicare il telo sulla parte superiore della porta, con chiodini o spille metalliche.

Telo porta.JPG

In questo caso, la parte inferiore della porta, che servirà insieme ad una apertura sul retro della struttura, a far si che l'aria all'interno possa circolare, è stata lasciata aperta, ma per evitare intrusioni di animali è stata applicata una rete plastica con spille metalliche.

Rete porta serra.JPG

Per finire applicheremo un palettino, anch'esso antiossidante, per chiudere la porta della serra.

Serratura serra.JPG

montaggio copertura

Per prima cosa, dobbiamo ritagliare le due parti laterali, che saranno le prime ad essere appuntate alla struttura, nella foto seguente si vede come tagliare la parte della porta.

Telo laterale.JPG

e si appuntano con dei chiodi sottili ma con la testa molto larga, senza farli affondare troppo, in modo da non far trapassare il telo dal chiodo.

Chiodo di appuntatura.JPG

Una volta montati i laterali si procede con l'appuntare il telo che andrà dalla base del retro alla base del fronte, un unico pezzo che andra a formare due pareti e il tetto, ritagliare il telo 5cm in piu della larghezza della serra, in modo da poterlo fissare bene sul bordo laterale, e lasciare almeno 15cm in più alle basi.

Telo fronte retro.JPG

Adesso, una volta appuntato il telo, possiamo fissarlo definitivamente con l'aiuto di chiodi più lunghi e piattina di gomma (reperibile nelle agrarie), che ci consentirà di affondare con più forza i chiodi senza rompere il telo.

Piattina per fissaggio.JPG Piattina2.JPG Piattina3.JPG

Aperture e ricircolo dell'aria

Come sappiamo una serra nel periodo estivo può raggiungere una temperatura interna che in alcune regioni sfiora e supera i 50°C, queste temperature sono pericolose per le nostre piante, per tenere sotto controllo la temperatura dobbiamo fare in modo che il calore in eccesso esca fuori e che ci sia un ricircolo d'aria, che ci aiuterà inoltre a combattere la formazione di funghi [[1]].

Per permettere al calore in eccesso di uscire dalla serra faremo delle finestre, il numero di esse è soggettivo, e dovranno essere fatte a seconda del calore che si formerà all'interno, si consiglia di farne almeno 2.

Le finestre possono essere fatte in vari punti della serra:

  • tetto
  • pareti
  • base
  • tetto e base, tetto e pareti, pareti e base, ecc.

In questo caso le finestre sono state fatte alla base, una nella porta (come si vede nel paragrafo del montaggio della porta) e l'altra ad avvolgimento, come generalmente si trovano nelle serre a tunnel, praticamente nella parte opposta alla porta non fisseremo il telo con chiodi e piattina, lo lasceremo libero, per poi essere avvolto su se stesso, o in un tubo metallico, nel periodo invernale sarà possibile fissarlo con delle spille sottili o nastro adesivo specifico per serre, reperibile nelle agrarie.

Finestra avvolgibile2.JPG

In estate se le finestre non dovessero bastare a far fuoriuscire il calore, si può installare all'interno un ventilatore, che aumenterà il ricircolo dell'aria raffreddando le piante.

Serra ultimata con piante all'interno

Serra ultimata.JPG

Voci correlate


Autore: Sonia80pi

Img: Sonia80pi

Strumenti personali