Coltivazione Drosere picciolate

Da Wikiplants.


Indice

Coltivazione delle Drosere del petiolaris complex (di Andrea Fontana)

Nota: Alcuni coltivatori tengono le drosere del petiolaris come delle drosere sub/tropicali con buoni/ottimi risultati però il seguente articolo spiega come coltivarle imitando le condizioni che queste bellissime drosere hanno nel loro habitat naturale.

SUBSTRATO

per il substrato io uso 50 % torba , 25 % perlite sbriciolata , 25 % ­ghiaietto di quarzo fine(non sabbia)diametro 2mm(e' importante sceglierlo bene altrimenti lo eviterei perche' alcuni invece di alleggerire il terreno lo impaccano ed alcune specie soffrono).


TERRARIO

nel terrario metto sotto i vasetti una griglia di plastica (tipo quella che si usano nei lavandini) che mi tiene alzati i vasetti di un cm e incastrato tra i denti della griglia metto un cavetto riscaldante per acquari(25 w) . cosi' posso mettere un cm d'acqua senza che i vasetti la tocchino e posso gestire la temperatura all'interno del terrario a mio piacimento.in particolare lo faccio andare dopo il terzo mese di riposo,nel momento in cui voglio fare risvegliare le piante. come coperchio uso uno specchio che mi fa da riflettore con quattro angoli tagliati in modo che un po' sfiati e poi faccio passare i fili del cavetto e dei tubi neon.


ILLUMINAZIONE

per quanto riguarda l'illuminazione io uso tubi neon T5 (con riflettore a parabola) che hanno un' ottima resa (T.colore 6500°K(865)ma anche 1 da 4000°(840) o 1 da 3000°(830),ho avuto sempre ottimi risultati)io uso un tubo neon ogni fila di vasetti,distanza dal vaso circa 15 cm. vanno bene anche i tubi T8,quelli un po' piu' grossi,pero' allora li avvicinerei di piu' al vasetto,circa 8 cm.


Il seguente vale per quasi tutte le drosere del petiolaris complex.

d'estate le tengo dentro una scatola di vetro con uno sfiato sopra,gli do' 8 ore circa di sole diretto e metto 2-3 cm d'acqua nel sottovaso.a ottobre porto l'acqua nel sottovaso a mezzo cm.a meta' novembre le porto dentro sempre nella scatola di vetro e le metto sotto i neon per 12 ore al giorno.temperatura 16° di notte e 25 di giorno,il calore e' dato dai neon,la scatola invernale ha qualche sfiato.anche qui lascio un cm d'acqua ma quando vedo che la pianta comincia a fare foglie piu' corte allora significa che vuole andare in riposo. la tolgo dall'acqua sopraelevandola con qualcosa sotto il vaso ed ogni settimana gli spruzzo acqua dall'alto.cosi' per un mese,poi comincio a non dargli piu' acqua,controllando comunque che il terreno non si secchi troppo.in questo lasso di tempo la pianta si ritira sempre piu'lasciando visibile solo una minima parte della sua rosetta che puo' essere pelosissima come per D.Ordensis o a foglie minuscole chiuse come in paradoxa,la falconeri accetta condizioni di siccita' maggiori e puo' restare in riposo anche per diversi mesi.

io con tutte le petiolaris non esagero mai ne' con la siccita' ne' con il periodo di riposo,solitamente le tengo tre mesi di cui nel primo mese bagno dall'alto ogni settimana,nel secondo mese bagno ogni due settimane ed nel terzo una volta sola al mese.in questi 3 mesi tengo 12 ore di luce,scattato il quarto mese aumento le ore luce a 14 e ricomincio a bagnare dall'alto una volta la settimana,quando vedo che la pianta rilancia fuori nuove foglie aspetto che abbia almeno 7-8 foglie e non bagno piu' dall'alto ma metto l'acqua direttamente nel sottovaso(1 cm circa). quando arriva meta' aprile porto fuori il terrario in una posizione dove prenda il sole del mattino in modo che si abituino e a meta' maggio le metto a 8 ore di luce. non bagno mai dall'alto a parte nel periodo di riposo ne' vaporizzo,solo acqua sotto(ed ogni due settimane pulisco il sottovaso perche' non si formino alghe)


RISVEGLIO passo per passo

prime due\tre settimane:

metto i tubi neon a 14 ore ed unisco al timer della luce anche il cavetto riscaldante,cosi' di notte la T° mi resta sempre sui 16-18 ma di giorno passa anche a 30 gradi o piu' con un umidita' elevatissima e bagno abbondantemente dall'alto UNA SOLA VOLTA LA SETTIMANA e di mattina perche' se lo faccio di notte ho paura che spunti qualche muffa o fungo e mi uccida la pianta. usando questo sistema e senza ventole non ho mai perso una pianta per funghi o marciume,l'unica che mi e' morta e' stata una Fulva perche' l'ho lasciata andare troppo in dormienza e non si e' piu' risvegliata...


Per altre due settimane successive:

Adesso la pianta deve aver sicuramente vegetato,se si' allora procedo sempre con le stesse ore luce ma il cavetto lo attacco giorno e notte e bagno ogno due o tre giorni,il pericolo che la pianta muoia e' passato.

Se invece la pianta ancora non ha vegetato continuo a bagnarla una sola volta la settimana e con il cavetto giorno e notte dovrebbe partire a breve altrimenti...addio piccolina...e' stato bello coltivarti!

Passate altre due settimane se le piante vegetano bene(e spesso sono velocissime..)allora smetto di bagnare dall'alto e riempio la teca di vetro con acqua,circa un cm va a bagnare il fondo del vasetto,sempre acqua tiepida grazie al cavetto. poi speriamo arrivi maggio in fretta cosi' si porta fuori tutto quanto...attenti alle scottature del sole


Voci correlate

Drosere picciolate


Publicato da HAHR-LHEM

Strumenti personali