Benvenuto su Carnivorous Plants Italia. Se vuoi avere accesso completo, registrati cliccando qui.

Trichoderma e cephalotus

Trichoderma e cephalotus

Messaggioda Aglio » 02/05/2017, 11:37

Buongiorno a tutti,
volevo inoculare un po' di Trichoderma nel terriccio del mio Cephalotus, anche se sta bene prevenire è meglio che curare.... Unica cosa: per il controllo del Phythium/marciumi radicali che attaccano questa pianta, sono valide tutte le specie di Trichoderma? Ho letto su qualche articolo che T. harzianum e T. hamatum sono i più gettonati, possibile?

Grazie a tutti!
Aglio
Utente
Utente
 
Messaggi: 114
Iscritto il: 10/02/2012, 12:13
Località: Firenze
Nome: Chiara

Condividi su:

Condividi su Facebook Facebook Condividi su Google+ Google+

Re: Trichoderma e cephalotus

Messaggioda picol » 07/05/2017, 8:48

In linea di massima si, poi ci sarebbe anche da controllare il ceppo, ad esempio dell'harzianum ce n'e' uno specifico per la botrite per cui efficace nella parte esterna (epigea) della pianta, ho trovato questa vecchia discussione:
viewtopic.php?f=87&t=7622
Assume, sometimes you are the pidgeon, but sometimes you are the statue...
Avatar utente
picol
Mod Leader
Mod Leader
 
Messaggi: 2161
Iscritto il: 18/04/2010, 18:38
Località: 0536 (MO)
Coltivatore: 26 apr 2009
Nome: Fabio

Re: Trichoderma e cephalotus

Messaggioda andrea_flower_power » 07/05/2017, 14:06

Io ho comprato questo su ebay che è anche abbastanza economico: http://www.ebay.it/itm/262908394592?_tr ... EBIDX%3AIT ovviamente prendo tutte le indicazioni per buone perchè non ho la capacità di verificarle tutte in via sperimentale e perchè non l'ho ancora provato, perchè per adesso sto usando quello che mi sono fatto spedire col Cephalotus da Oliomar. Mentre anni fa mi ero trovato bene con questo prodotto: http://www.ebay.it/itm/PIRANHA-LIQUID-2 ... SwNgxWD9MQ , una volta era uno dei pochi in commercio ed era in polvere no liquido.
Una cosa che non mi piace poi troppo è che su le indicazioni del prodotto preso su ebay (ma penso sia così per tutti i tipi?!?) c'è scritto che conservato per bene l'efficacia dura per almeno 6 mesi (un po pochino...anche perchè con quelle dosi almeno per me penso mi duri almeno per 2/3 anni).
Quello di Oliomar l'ho sto provando su dei cloni di Cephalotus presi piccoli all'inizio dell'anno più quello più grandino che mi ha dato lui ma non posso dire se ha avuto grandi effetti, però le piante sono tutte vive e stanno bene, stavano buttando bene ma ora col ritorno del freddo si sono un pelo fermati. Mi piacerebbe provare fare all'inizio dell'estate 6 talee fogliari di cephalotus e metterne 3 in un vaso con tricoderma e 3 in un vaso senza e monitorarle per 2/3 anni, per avere anche io un esperienza diretta dei risultati (ma Alvise che era un grande apassionato di Cephalotus ed esperto in Tricoderma che fine ha fatto???).
Pur andando un pelo of topic volevo dirvi che l'ho sto provando anche su Pomodori, Zucchine, Meloni, Peperoncini e Scarola seminati da me ( presi su questo ottimo sito: http://tuttosemi.com/): risultati anche se non comprati con Ortaggi coltivati senza Tricoderma:
- i pomodori, sopratutto nelle giornate di sole e caldo crescono a vista d'occhio
- ho travasato i peperoncini ed hanno un apparato radicale molto, molto sviluppato

un unica cosa, pensavo che utilizzando tricoderma avrebbe evitato sui delicati pomodori, nell'aparato che sta fuori dalla terra le classiche malattie, invece bagnando per sbaglio le foglie visto che stanno in un vaso tutte attaccate le piantine (è notorio che i pomodori non vanno assolutamente bagnati sulle foglie essendo delicati) hanno sviluppato non so quale malattia che li poertava a seccare alcune foglie, ma ho ovviato l'incoveniente col verderame. Quindi il mio dubbio è anche questo, per evitare la botrite sui cephalotus basta inoculare il terreno o bisogna nebulizzare costantemente pianta, ascidi e foglie?
andrea_flower_power
Utente
Utente
 
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/04/2011, 23:17
Nome: Andrea

Re: Trichoderma e cephalotus

Messaggioda picol » 07/05/2017, 15:04

andrea_flower_power ha scritto:Quindi il mio dubbio è anche questo, per evitare la botrite sui cephalotus basta inoculare il terreno o bisogna nebulizzare costantemente pianta, ascidi e foglie?

Da quel che ho capito dal link che ho postato, i ceppi adatti a contrastare la botrite andrebbero irrorati sulle piante, gli altri adatti a prevenire marciumi diluiti nell' acqua per annaffiare.
Assume, sometimes you are the pidgeon, but sometimes you are the statue...
Avatar utente
picol
Mod Leader
Mod Leader
 
Messaggi: 2161
Iscritto il: 18/04/2010, 18:38
Località: 0536 (MO)
Coltivatore: 26 apr 2009
Nome: Fabio

Re: Trichoderma e cephalotus

Messaggioda andrea_flower_power » 07/05/2017, 18:09

OK, buono a sapersi...quindi vanno irorate spesso penso, se non tutte le settimane almeno ogni 2/3 ?!?
andrea_flower_power
Utente
Utente
 
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/04/2011, 23:17
Nome: Andrea

Re: Trichoderma e cephalotus

Messaggioda picol » 07/05/2017, 18:19

Questo non saprei dirtelo, il trichoderma l'ho usato (ricordo che lo presi da Oliomar) 6-7 anni col primo cefaloto che provai a coltivare, per cui seguirei le indicazioni del venditore.
Assume, sometimes you are the pidgeon, but sometimes you are the statue...
Avatar utente
picol
Mod Leader
Mod Leader
 
Messaggi: 2161
Iscritto il: 18/04/2010, 18:38
Località: 0536 (MO)
Coltivatore: 26 apr 2009
Nome: Fabio

Re: Trichoderma e cephalotus

Messaggioda Aglio » 08/05/2017, 22:00

picol ha scritto:
andrea_flower_power ha scritto:Quindi il mio dubbio è anche questo, per evitare la botrite sui cephalotus basta inoculare il terreno o bisogna nebulizzare costantemente pianta, ascidi e foglie?

Da quel che ho capito dal link che ho postato, i ceppi adatti a contrastare la botrite andrebbero irrorati sulle piante, gli altri adatti a prevenire marciumi diluiti nell' acqua per annaffiare.


Si, l'azione del trichoderma è di contatto, ovvero andando vicino ad altri funghi riesce a penetrare nelle ife altrui e a "mangiarseli". Il fatto è che, alcuni funghi, non so come probabilmente con tossine, riescono a resistergli ma comunque vengono bloccati perchè il trichoderma riesce a circondarli e non farli sviluppare o almeno a rallentarne la crescita. Almeno così succede in piastra poi bisognerebbe vedere nel terreno. Il suo uso può quindi essere vantaggioso perchè inoculandolo nel terreno lì si sviluppa e contrasta eventuali patogeni, non credo riesca però a insediaresi nella pianta e a risalire lungo fusto e fino alle foglie, almeno non ci possa vivere come endofita ma non lo so. Quindi se hai bisogno sulle foglie devi spruzzarcelo.
Poi, anche mettendo Trichoderma la certezza 100% che la pianta non si ammali non c'è: magari il fungo patogeno è più aggressivo e riesce comunque a farsi una via. E questo dipende anche da associazione specie di trichoderma e patogeno incontrato. Poi, per esempio per i pomodori, non so di che malattia fungina parli ma non tutte necessitano di entrare dall'apparato radicale per forza, ci sta che siano entrate da ferite più in alto (fusto, piccioli, foglie) dove appunto il trichoderma non c'era e non ha contrastato la malattia.
Ho un po' di T. herzianum, proverò a raccogliere un po' di spore e facendo una soluzione inocularla, vediamo che viene... non ho idea di che ceppo sia!! XD Però pare bello aggressivo, si è mangiato due funghi che non si bloccano nemmeno con le cannonate!
Aglio
Utente
Utente
 
Messaggi: 114
Iscritto il: 10/02/2012, 12:13
Località: Firenze
Nome: Chiara

Re: Trichoderma e cephalotus

Messaggioda andrea_flower_power » 10/05/2017, 21:08

OK, grazie della spiegazione, deve essere interessante vedere come si conportano, col microscopio.
andrea_flower_power
Utente
Utente
 
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/04/2011, 23:17
Nome: Andrea


Torna a Cephalotus

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite